fbpx

Vacanza riposo: quanto è importante per ricaricarsi e quando farla

Un ragazzo si gode la sua vacanza riposo

Vacanza riposo: quanto è importante per ricaricarsi e quando farla

Cosa si intende per vacanza riposo? Beh, di certo tutti immaginano si tratti di un rilassante viaggio alle Maldive, una o due settimane passate godendosi il sole su una spiaggia bianca attorniati da palme e mare trasparente. Considerato che i paradisi tropicali non sono proprio a portata di tutti, forse dovremmo riconsiderare questa idea…

Poniamoci invece una seconda domanda: ma davvero sono sufficienti due settimane all’anno in un posto meraviglioso per staccare dal lavoro e ricaricare le pile? Non sarà forse meglio fare delle piccole vacanze riposo più spesso? Ecco, è proprio di questo che parleremo perché, onestamente, aspettare un anno per godersi un periodo che volerà in un batter d’occhio non ci convince molto!

Perché dovremmo desiderare di fare una vacanza riposo?

La vita frenetica che molti di noi sono costretti a fare logora e svuota mentalmente, la routine rende simili i giorni e si finisce per trovarsi avvitati all’interno di consuetudini e riti che sembrano inevitabili. Una piccola pausa, fosse anche di solo due giorni, può servire a distrarsi dal lavoro e dai mille impegni che sembrano assorbirci in modo asfissiante.

Una breve vacanza riesce inoltre a unire anche le esigenze economiche, permettendo a coloro che hanno risorse finanziarie limitate di potersi svagare ammirando la bellezza della natura o le meraviglie culturali di una città storica. È ovvio che tutti preferiremmo essere serviti e riveriti in un resort all inclusive, ma siamo sicuri che una vacanza in camper di due giorni o una visita in una capitale europea vicina siano poi così da buttar via?

Le mini vacanze riposo migliori che ci siano

Come abbiamo appena detto, un breve weekend ben congegnato può essere davvero utile per ricaricare le pile, ma vediamo alcuni esempi che ti convinceranno di sicuro a non considerare questa possibilità come secondaria:

  1. Visitare una città nelle vicinanze. Se ci rifletti un attimo e consulti una cartina (tipo Google Maps con vista satellite), siamo certi che noterai che nell’arco di una-due ore da casa ci saranno dei borghi o delle città che hanno delle peculiarità e delle attrazioni che non hai mai visto. A volte è sufficiente cercare sul web per venire a conoscenza di eventi (concerti, mostre, visite, fiere, ecc..) che sicuramente potrebbero interessare te o qualche altro membro della tua famiglia. Il passo successivo è utilizzare un portale come Booking.com per trovare un posto letto.
  2. Ti piace la vita all’aperto? Bene, allora il campeggio fai da te è quello che fa per te! Oltre ad aggiungere un pizzico di avventura alla tua vacanza riposo, questa è una delle soluzioni più economiche che ci siano, particolarmente se utilizzi la tua attrezzatura e dormi in tenda. Se invece preferisci andare in un campeggio organizzato, sarà di certo più costoso, ma non quanto un hotel o b&b.
  3. Se vuoi utilizzare l’auto e non allontanarti troppo da casa, cerca parchi acquatici o a tema e lascia che la tua voglia di divertimento e quella dei tuoi familiari possa avere libero sfogo!

Una bella escursione nei sentieri tra i boschi può essere una delle vacanze più stimolanti che ci siano. Scegli un percorso vicino a laghi o fiumi (magari ci scappa anche un bagno!), che sia ben segnato e che abbia degli alloggi dove poter dormire. In Italia puoi trovare una miriade di percorsi interessanti, dai pellegrinaggi a semplici escursioni.

Ad esempio, un percorso storico come la Via Francigena attraversa quasi tutta l’Italia (potresti fare solo 2-3 tappe vicino casa), inoltre dormendo in ostello le spese sarebbero molto contenute.

Anche la Via degli dei tra Bologna e Firenze è un percorso molto interessante da scoprire, così come il Cammino Materano.

Le vacanze riposo con un budget leggermente superiore

Se i fondi che hai a disposizione sono leggermente più ingenti, il consiglio che assolutamente ci sentiamo di darti è quello di visitare delle capitali europee relativamente vicine all’Italia.

Se possibile, recarsi all’estero è sempre una buona idea, perché ti permette di interagire con persone diverse da quelle che incontri tutti i giorni, confrontarti con una lingua diversa, arricchire il tuo bagaglio di esperienza con punti di vista differenti.

Se ad esempio tu abitassi in centro Italia e prendessi come punto di riferimento per la partenza gli aeroporti di Roma, tracciando un cerchio largo partendo dalla città ti potresti rendere conto che, nell’arco di 2-3 ore di volo, avresti una sfilza di città da scoprire! Ad esempio: Atene, Sofia, Zagabria, Spalato, Lubiana, Vienna, Monaco di Baviera, Zurigo, Ginevra, Lione, Marsiglia, Barcellona, Valencia e tante altre.

L’ottimizzazione dei costi può essere davvero efficace, se seguirai questi consigli:

  1. La prima regola è assolutamente quella di non imporsi date o luoghi. Vai sui siti delle compagnie low-cost e cerca in funzione della tariffa più vantaggiosa, infine scegli le date meno costose tra i luoghi che ti interessano di più.
  2. Prenota sempre con largo anticipo e sfrutta i trucchi indicati in questo articolo.
  3. Se la tua destinazione è una grande città, non limitarti a controllare i voli dell’aeroporto principale, utilizza anche quelli secondari.
  4. Usa blablacar e siti di carpooling per gli spostamenti.

Vacanza riposo: è il momento di partire

Seguendo i nostri consigli, vedrai che riuscirai a ritagliarti del tempo per lasciarti alle spalle la solita vita frenetica, anche se solo per un paio di giorni. Poniti come proposito la realizzazione di circa sei weekend all’anno fuori e almeno una giornata intera una volta al mese. Cerca di andare più vicino possibile a questo obiettivo e non demordere, il relax è troppo importante per non tenerne conto!

Sponsorizzati