Hosting WordPress: perchè i servizi non ammettono di fare reselling?

La scelta dell’hosting ideale per il proprio sito web passa anche dalla considerazione di un mercato di offerte estremamente vario, dalle caratteristiche molto simili e, per questo motivo, in grado di rendere difficile la scelta: come deve fare un povero webmaster a trovare l’offerta migliore?

Non è per nulla facile, e nel 2019 lo è ancora più che in passato! Ad oggi, in effetti, sono disponibili molti piani di hosting presso le aziende più svariate, che il più delle volte operano in due modalità:

  1. hosting proprietari – sono tutti i servizi che ospitano, sia in dedicato che in condiviso, servizi di hosting ad esempio per WordPress o Joomla!. Potrebbero costare un po’ di più, visto che ospitano i server nelle loro sedi (data center).
  2. reseller di hosting – sono i servizi che rivendono hosting altrui, e sui quali potrebbero avere un controllo parziale in caso di problemi. In questo caso il vantaggio principale è che i costi dei servizi sono decisamente più contenuti.

L’aspetto confusionario, al di là delle offerte che ognuno – giustamente – può presentare a modo proprio, è legato ad un aspetto fondamentale: difficilmente un servizio di hosting ammetterà mai di fare reselling, cioè di rivendere servizi altrui.

Se è vero che i servizi di hosting che abbiano data center proprietari non sono tantissimi – in Italia ad esempio li possiedono Keliweb, Aruba e pochi altri – in genere questi servizi tendono ancora a non valorizzare abbastanza questo aspetto.

Sì, perchè c’è una grande, grandissima differenza di fondo: se c’è un problema tecnico e bisogna riavviare il server, ad esempio, non tutti saranno in grado di farlo con la facilità e la celerità richiesta in questi casi.

E se un e-ecommerce si dovesse un giorno affidare ad un reseller di hosting senza sapere che è tale, i problemi al suo business sarebbero enormi: per questo, ad oggi, cambiare hosting è diventato sempre più facile, anche grazie a servizi come SiteGround che offrono la migrazione del proprio sito dal vecchio hosting inclusa gratuitamente nel prezzo (ed hanno data center proprietari).

Per fortuna soluzioni di questo tipo, funzionali prima di tutto dal punto di vista strategico, sono sempre più comuni ed adottate dalle aziende più grosse, e questo riesce a dare un concreto feedback per orientare al meglio la scelta dell’utente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *