fbpx

Come realizzare un live streaming su YouTube

youtube live streaming

Promozione aziendale e dirette in streaming su YouTube per il settore produttivo

Le dirette in streaming su YouTube, una tra le piattaforme più affidabili per le aziende che desiderano far conoscere ed espandere il proprio brand, rappresentano un potente strumento finalizzato alla crescita di un canale e alla diffusione dell’ attività connesse alla presentazione aziendale in uno scenario in cui diminuiranno fiere e convention.

Aumentando il tempo di permanenza degli utenti sul canale, ossia il tempo di sessione, i live streaming  favoriscono l’engagement e vengono visti di buon occhio dagli algoritmi di YouTube.

La naturale conseguenza è che le dirette in streaming sul canale YouTube aziendale influiscono direttamente anche sul posizionamento nel motore di ricerca interno e permettono inoltre una veloce indicizzazione, perché vengono processate come “News”.

Avvalersi di una solida e potente infrastruttura come quella messa a disposizione da YouTube comporta indubbi vantaggi, tra cui quello di semplificare il procedimento che conduce alla messa in onda dello streaming: una volta fissata la data in calendario gli iscritti riceveranno una notifica che li avvisa della diretta e per aumentare la base di utenza basterà copiare e incollare il link di trasmissione del canale aziendale nella pagina del proprio sito.

La diretta streaming è uno strumento potente e versatile per far crescere il proprio canale YouTube. I contenuti prodotti durante il live, se questi non supera la durata di 12 ore, non andranno persi, ma potranno essere trasformati in un video da aggiungere alla propria galleria e che potrà essere riproposto anche in un secondo momento.

Infatti quanto trasmesso in live streaming diventa disponibile on demand dopo la diretta

youtube live streaming

ph: ytcount-unsplash

Quali strumenti utilizzare

Lo streaming video si basa su una tecnologia per il buffering e la compressione dei dati, che consente di trasmettere contenuti multimediali (video) su Internet in tempo reale. In altre parole, lo streaming video è il processo di conversione di contenuti audio e video in un formato digitale compresso con la sua successiva distribuzione attraverso le reti di computer.

Per ottenere un risultato apprezzabile in termini di qualità nella riproduzione in live streaming, un’azienda dovrebbe sempre dotarsi di un sistema evoluto di ripresa e di un servizio di regia multicamera; a maggior ragione quando l’oggetto della comunicazione riguarda la dimostrazione di un macchinario industriale in diretta e il suo funzionamento.

Una volta che ci saremo dotati delle strumentazioni e della tecnologia adeguate, potremo preoccuparci di come far arrivare senza intoppi e in maniera pulita i segnali audio e video su Youtube in diretta.

youtube live streaming

Gli Encoder

Uno streaming per funzionare non può fare a meno di un sistema di encoder, ovvero di un dispositivo che converte in un flusso di dati i segnali audio-video. In commercio ne esistono di vari tipi, ognuno dei quali offre possibilità diverse.

Per via della sua versatilità, tra i sistemi di encoder più utilizzati troviamo il Blackmagic Web Presenter, che si contraddistingue per la sua capacità di essere riconosciuto da ogni programma in maniera immediata. Tuttavia, a dispetto della sua intuitività, il Web Presenter non consente una trasmissione in full hd ed ecco perché, per ovviare a un simile inconveniente, ci si dovrà affidare a sistemi più performanti come Teradek, Aja e Datavideo, solo per ricordare i più noti

In alternativa, i file audio e video possono essere processati anche tramite appositi software di codifica come Xsplit Broadcast,Wirecats, Magix YouCastUstream , Vmix, , o Obs che è anche per Linux.

Leggi anche: AirPods Pro: 6 alternative più economiche

L’ampiezza di banda: quanta ne occorre?

Un sistema di encoder di ottima qualità è utile solo se supportato da una banda adeguata. Per le trasmissioni in full hd sono necessari almeno 8-10 megabit di banda affinché il flusso di dati sia stabile.

Nel caso non si disponga di una connessione in fibra – scenario piuttosto frequente in Italia – sarà bene ricorrere a una o più reti mobili 4G accoppiate.

Qualora, per motivi di copertura, anche questa soluzione dovesse rivelarsi impraticabile, ci si potrà appoggiare a precisi, seppur costosi (circa 200€/ora), servizi di connessione internet satellitare.

In ultimo, si tenga presente che, per quanto stabile possa essere la connessione, è sempre consigliabile munirsi di un aggregatore di banda o di uno switch  per sopperire a eventuali perdite di segnale.

Come connettere l’encoder con YouTube

Dopo la configurazione del sistema, l’encoder riconoscerà automaticamente il nostro canale, rendendo possibile procedere alla programmazione dell’evento.

Nella dashboard di Youtube c’è un parametro, denominato “Url del server“, che precede un “nome/chiave” dello stream che non è altro che una password. Si noti, infine, che non tutti gli encoder sono accettati da YouTube. Conviene sceglierli tra quelli certificati per non sbagliarsi.

Leggi anche: Saponetta Wi-Fi: Come Funziona? Uso e funzioni del mini modem

La Latenza

Un fattore a cui bisogna prestare particolare attenzione è la latenza, ovvero l’intervallo di tempo compreso tra input e output che determina il ritardo con cui viene visualizzata la diretta streaming su YouTube.

In genere, per le dirette streaming di carattere interattivo non è consigliabile utilizzare un’elevata qualità video, in quanto in questi casi il ritardo di risposta può arrivare fino a 20-25 secondi.

La latenza, infatti, viaggia di pari passo con la qualità: migliore la qualità delle immagini, maggiore sarà la latenza. Fortunatamente, si tratta di un valore che è possibile regolare con facilità nel pannello di controllo.

Giuseppe Galliano Studio
C.so Cavallotti 24
28100 NOVARA ITALY

Sponsorizzati