fbpx

Osteocondrosi cervicale: sintomi, segnali e come intervenire

Depanten

Di solito attribuiamo il disagio e il dolore assillante al collo, gli scricchiolii e le strane sensazioni nella parte superiore della schiena alla stanchezza e agli impegni. Ma in realtà, la combinazione di questi sintomi può indicare lo sviluppo dell’osteocondrosi cervicale, una condizione pericolosa che porta ad un deterioramento della qualità della vita. Leggi di più su come individuare la patologia, quali segnali bisogna riconoscere e come aiutare sé stessi – leggi tutto in questo articolo.

Le cause dell’osteocondrosi cervicale

Anche dopo centinaia di studi da parte degli scienziati, le vere cause della patologia non sono state completamente identificate, ma ci sono fattori che aumentano il rischio di sviluppare l’osteocondrosi cervicale. Questi includono:

  • uno stile di vita sedentario (bassa attività fisica, lavoro in ufficio);
  • uno sforzo eccessivo sulla colonna vertebrale (capita ai lavoratori dei porti, agli atleti professionisti e alle estetiste);
  • lo stress e i crampi muscolari (causati dalla rigidità del corpo e da patologie interne);
  • una postura scorretta;
  • i cambiamenti degenerativi legati all’età e ossificazione;
  • la predisposizione genetica.

Questi trigger sono rilevanti per ogni persona moderna, quindi tutti noi siamo a rischio e dovremmo essere più attenti alla nostra salute.

I sintomi dell’osteocondrosi cervicale

È importante saper distinguere una banale stanchezza del collo e della parte superiore della schiena dopo un lavoro prolungato al computer dall’insorgenza dell’osteocondrosi. In caso di stanchezza, il disagio scompare rapidamente e il corpo recupera la normale mobilità dopo qualche ora.

L’osteocondrosi causa rigidità nei muscoli e nelle articolazioni e limitazione dei movimenti. Le estremità nervose vengono bloccate, il che provoca un dolore pulsante e un formicolio alle estremità. Spesso la causa dell’osteocondrosi è l’ossificazione legata all’età, la rigidità muscolare, il sollevamento frequente di pesi o il sovrappeso. Se sentite qualche disagio, consultate immediatamente un medico per una diagnosi accurata.

Terapia e prevenzione

Nelle fasi iniziali, il disturbo può essere corretto senza farmaci, mettendo in pratica i principi degli esercizi terapeutici. Le routine di esercizi appositamente studiate aiutano a ripristinare la mobilità e ad aumentare il tono muscolare. I medici ricorrono anche a corsetti che agiscono sulla postura del paziente.

Se l’osteocondrosi progredisce al secondo o terzo stadio, alla terapia vengono aggiunti farmaci e integratori. I medici spesso usano anche dei gel ad azione locale, come Depanten, per alleviare i sintomi e l’infiammazione.

Depanten: aiuto per i dolori articolari

Depanten è un gel con effetto rinfrescante per un rapido sollievo dai dolori articolari. È efficace per distorsioni, contusioni, artrite, artrosi, reumatismi e mal di schiena. Il gel funziona non solo per alleviare i sintomi, ma anche per ridurre l’infiammazione e può essere utilizzato sia per la terapia che come misura preventiva per le persone soggette a rischio.

L’efficacia di Depanten Gel è dovuta alla combinazione di principi attivi naturali nella sua composizione. L’estratto di arnica di montagna, arricchito di flavonoidi, ha proprietà antinfiammatorie e analgesiche. Il mentolo mostra una leggera azione antisettica, raffredda la pelle e ha anche un effetto anestetico locale. L’olio essenziale di eucalipto previene la formazione di batteri e ha un effetto rinfrescante sulla pelle e sulle mucose. Mentre l’olio di canfora crea una dilatazione locale dei vasi sanguigni, con conseguente sensazione di calore e leggerezza nelle articolazioni affette da dolore.

Nonostante la natura del dolore articolare, non bisogna ignorarlo e lasciarlo passare da solo. Un intervento tempestivo e di qualità può riportare la gioia del movimento nella vostra vita.

Sponsorizzati