fbpx

Laboratori analisi ambientali: di cosa si occupano

laboratorio analisi ambientali

Un laboratorio di analisi ambientali serve principalmente per raccogliere dati affidabili sull’ambiente e su tutti quei fenomeni (artificiali o naturali) che possono alterarlo. Le informazioni raccolte costituiscono un valido supporto per prendere decisioni e facilitano un monitoraggio costante della situazione.

È necessario comprendere che tutte le analisi eseguite, per offrire dati affidabili, devono rispettare determinati standard qualitativi, necessari per non alterare i risultati e ricostruire correttamente la situazione delle matrici ambientali. L’accuratezza dei test eseguiti rappresenta il fattore chiave per ricostruire l’impatto ambientale di qualsiasi attività e fornire evidenze a supporto di interventi di bonifica e tutela dell’ambiente, ove necessarie.

I laboratori di analisi chimiche ambientali supportano una vasta serie di esami per rispondere a differenti esigenze di controllo e monitoraggio dell’ambiente. Di seguito illustreremo i principali campi di applicazione.

Analisi delle acque

Una delle principali attività è senz’altro l’analisi delle acque potabili. L’acqua destinata al consumo umano deve costantemente rispondere alle caratteristiche chimiche e microbiologiche definite dalle normative di riferimento. L’acqua potabile deve essere priva di agenti contaminanti e deve rispondere a criteri di salubrità e pulizia per essere impiegata per l’uso a cui è destinata.

Risulta quindi fondamentale avviare una serie di analisi chimiche per accertare lo stato delle acque in maniera continuativa, monitorando che i valori soglia indicati dalla legge non vengano superati. Gli enti territoriali di competenza sono soggetti a obblighi specifici in tal senso.

 

Analisi dell’aria e delle emissioni in atmosfera

L’analisi dell’aria è fondamentale in particolare per determinare gli effetti e l’impatto delle attività produttive che rilasciano gas nell’atmosfera. Effetti chimici, combustione e attività umane possono far decadere i normali livelli di salubrità dell’aria imponendo degli interventi correttivi finalizzati a contenere l’inquinamento atmosferico.

Ulteriori applicazioni dei test chimici sull’aria trovano spazio presso stabilimenti produttivi che impiegano sostanze chimiche dannose per la salute. Il controllo, in tal caso, sarà finalizzato a preservare la sicurezza sul posto di lavoro, evitando l’insorgere di malattie respiratorie e altri fenomeni potenzialmente dannosi per i lavoratori.

Alcuni laboratori di analisi offrono anche la possibilità di studiare i livelli di radioattività. Il servizio è rivolto a supporto di tutte quelle attività che devono gestire fonti di radioattività su base regolare e devono assicurare che i valori soglia vengano rispettati, senza mettere a rischio la salute dei lavoratori coinvolti.

Uno degli studi più noti è quello sulla diffusione delle polveri sottili, ovvero la tipologia di inquinamento tipicamente connessa al traffico automobilistico. Lo smog può comprendere sostanze nocive per la salute che possono rimanere sospese nell’aria ed essere respirate dalle persone. È quindi fondamentale controllare con sistematicità i valori di PM10 e adottare adeguati interventi (ad esempio, i blocchi del traffico o le targhe alterne) per contenere gli effetti dell’inquinamento.

Analisi dei terreni

Le esigenze che giustificano dei test sul suolo o sul sottosuolo possono essere molto variegate. Conoscere le caratteristiche del terreno può risultare utile ai fini dell’agricoltura, per determinare tipologia e modalità di concimazione richiesta.

Un’altra possibile applicazione di queste analisi è legata alla caratterizzazione di siti contaminanti. In tal caso si richiede di ricostruire la situazione di un terreno inquinato, determinando non solo i livelli di inquinamento, ma anche la dinamica di propagazione delle sostanze dannose. Attraverso una adeguata indagine è quindi possibile stabilire un paino di bonifica ambientale, tutelando la salute dei residenti nelle zone attigue.

Sponsorizzati