fbpx

Celle frigorifere industriali: cosa sono e come funzionano

Celle frigorifere industriali

Indice Articolo

Celle frigorifere industriali: come sono fatte

Le celle frigorifere sono aree dedicate alla conservazione ottimale di cibi, fiori, provette, farmaci e materiali sensibili alla temperatura. Grazie alla capacità di mantenimento della temperatura interna, + possibile conservare qualsiasi prodotto che necessita di temperature inferiori rispetto a quella ambiente. I gradi di temperatura variano a seconda della tipologia  e in base alla capacità di mantenimento si distinguono diverse tipologie di celle frigorifere.

Le tipologie di celle frigo

In commercio esistono principalmente due tipologie di celle: quelle a temperatura positiva e quelle a temperatura negativa.

Le celle frigo a temperatura positiva mantengono i prodotti a temperature variabili tra gli 0°C e i 18°C. Sono quindi le più adatta per chi ricerca celle frigorifere per la frutta o la verdura. Adatte al mantenimento di cibi freschi, garantiscono temperature costanti e livelli di umidità contenuti.

Le celle frigo a temperatura negativa sono invece caratterizzate da una temperatura tra gli 0°C ed i -28°C. Utilizzate comunemente per la prerefrigerazione dei prodotti ortofrutticoli, la refrigerazione, la congelazione e la surgelazione; vengono adoperate in diversi campi chimici, alimentari ed industriali.

Leggi anche: Tunnel mobili e tettoie in pvc per coprire le aree di carico e scarico merci

Come funzionano le celle frigorifere

Ogni cella frigorifera dispone di un motore elettrico per ottenere la temperatura ottimale ai fini della conservazione dei cibi.

Per il matenimento di una temperatura inferiore a quella esterna, le celle frigo dispongono di un impianto in grado di convertire l’energia meccanica in energia termica.

L’impianto di una cella frigo si compone generalmente di:

  • evaporatore
  • espansore
  • condensatore
  • espansore

Attraverso questo impianto, dotato di liquido refrigerante, si ottiene il processo di diminuzione della temperatura che rende operativa la cella frigorifera.

Le porte per celle frigorifere

Un accenno particolare va rivolto alle porte delle celle frigorifere. Per mantenere la temperatura interna costante, infatti, è necessario che la cella sia chiusa ermeticamente e velocemente.

Per la sicurezza degli operatori tali chiusure devono essere apribili anche dall’interno, per evitare il rischio di rimanere chiusi dentro.

In commercio esistono celle frigorifere complete, già pronte per l’installazione. Tuttavia, per le aziende che hanno necessità di soluzioni su misura, bisogna valutare anche la tipologia di porta frigorifera.

Tradizionalmente, vengono utilizzate due chiusure per la cella:  un portone scorrevole (coibentato ma lento) e una porta rapida (veloce ma senza caratteristiche termoisolanti).

L’evoluzione tecnologica ha però permesso ad alcune aziende di sviluppare soluzioni più performanti, racchiudendo i vantaggi delle due chiusure in un’unica porta. Per esempio, l’azienda Thermicroll produce speciali porte per celle frigorifere con tecnologia a spirale, in grado di garantire il mantenimento della temperatura garantendo velocità e occupando pochissimo spazio.

Torna su