Scegliere un fondo di assistenza sanitaria integrativa per tutelare la salute

Fondo assistenza sanitaria integrativa Roma

L’assistenza sanitaria integrativa è una forma di tutela a disposizione dei cittadini che interviene in tutti quei casi in cui il servizio sanitario pubblico non offre una copertura in termini di costi e/o di strutture sanitarie. Dotarsi di un’assistenza sanitaria integrativa garantisce, quindi, di agire su due fronti che integrano e/o sostituiscono la sanità pubblica:

  • Ridurre i tempi di attesa delle strutture pubbliche scegliendo a quale struttura rivolgersi per ricevere visite e cure mediche
  • Coprire parzialmente o totalmente le spese sostenute

I fondi sanitari integrativi possono essere enti, associazioni, società di mutuo soccorso, banche o compagnie assicurative iscritte all’Anagrafe dei Fondi sanitari istituito dal Ministero della Salute nel 2009. L’iscrizione si rinnova annualmente per mantenere costante il controllo sul rispetto dei requisiti stabiliti dalla legge e garantire l’effettiva tutela della salute dei cittadini.

Ogni cittadino può scegliere deliberatamente se aderire a un Fondo. Per i lavoratori dipendenti spesso l’iscrizione è già prevista nel contratto di lavoro o, per alcune categorie professionali, al momento di iscrizione al proprio Albo. Di fatto possono beneficiare dell’assistenza sanitaria integrativa:

  • dipendenti del settore privato e pubblico;
  • liberi professionisti;
  • quadri
  • dirigenti
  • pensionati
  • familiari di iscritti (tra cui anche i minori) o membri di particolari tipi di associazioni o enti.

I vantaggi dei fondi sanitari integrativi

I fondi sanitari integrativi, a fronte del pagamento di un premio, offrono diverse soluzioni integrative al Sistema Sanitario Nazionale. In Paesi dove l’assistenza sanitaria non è pubblica, come gli Stati Uniti, queste polizze sono molto diffuse e rappresentano l’unica possibilità per poter accedere alle cure mediche. Il Fondo di assistenza sanitaria integrativa a Roma e in tutta Italia ha solo il compito di offrire servizi e prestazioni socio-sanitarie che rafforzino quelle offerte dal servizio sanitario nazionale.

I vantaggi sono molteplici sia in termini di tutela della salute che di fiscalità.

In effetti aderire a un fondo garantisce una copertura totale o parziale delle spese mediche sostenute per rivolgersi alla struttura più vicina a casa o a quella che offre la visita in tempi più brevi, ma prevede anche alcuni vantaggi fiscali fissati per legge. Ad esempio, i lavoratori dipendenti possono detrarre parte dei contributi versati su un fondo sanitario fino ad un massimo di 3.615,20 € e, nei limiti della stessa cifra, i contributi versati non vengono calcolati sul reddito del lavoratore dipendente.

Anche il datore di lavoro può includere i contributi versati ai fondi sanitari nella detrazione del reddito d’impresa (IRES) in quanto ‘costo del lavoro’ e può inoltre pagare un contributo di solidarietà del 10% al posto dell’aliquota contributiva sociale obbligatoria che ha una percentuale più elevata.

Il Fondo assistenza sanitaria integrativa a Roma può offrire formule di prestazioni molto differenti, per questo è importante rivolgersi ad un ente di comprovata esperienza capace di offrire una consulenza e un’assistenza capace di consigliarci il meglio in base alle nostre esigenze.
Torna su