fbpx

Le caratteristiche dell’informazione amatoriale su internet

ART5

Il web ha indubbiamente regalato ai suoi utenti una libertà d’espressione che fatica ad emergere nella vita reale. Se da una parte per conquistare credibilità nel mondo del giornalismo occorre frequentare una dura gavetta, al di fuori di questa dimensione professionale inesistenti, ad eccezione della rete, risultano i luoghi in cui ogni individuo abbia l’opportunità di esprimere il proprio punto di vista ad una larga platea di lettori.

Da tempo ormai la possibilità di aprire a titolo gratuito un blog ha invogliato molteplici persone a crearsi uno spazio laddove manifestare idee o offrire valutazioni personali su ogni tematica.

Senza cioè essere obbligati a rendere conto ad una gerarchia su cui si fonda l’organizzazione di qualunque redazione giornalistica, il blogger trova soltanto in se stesso la motivazione per scrivere considerazioni sopra argomenti che accendono la sua attenzione.

E deciderà sempre a titolo individuale di accettare collaborazioni con altri colleghi con la finalità di accogliere i loro post nel proprio blog o di pubblicare articoli nelle loro vetrine virtuali.

Una sinergia che negli anni ha determinato in taluni casi sul web cortocircuiti formidabili tali da guadagnarsi una popolarità a dir poco virale.

Sulla curiosità provocata dalle firme degli articoli pubblicati all’interno di un blog si gioca ovviamente il successo di una vetrina aperta ad ospitare posizioni tra loro contrastanti e anticonformistiche su qualsiasi aspetto della vita politica ed economica di una nazione.

Il rischio delle fake news

La preziosa autonomia con cui un utente di internet pubblica post sui social o sul blog che amministra, rappresenta un traguardo di libertà che tuttavia può, senza un deciso controllo dei flussi sul web, tradursi in una anarchia dai risvolti non sempre felici.

Chiunque, come spesso purtroppo accade, può lanciare da una posizione di totale anonimato insulti o commenti deprecabili destinati a personaggi pubblici o eventi drammatici che hanno segnato la storia di un paese.

E soprattutto per avvalorare tesi del tutto infondate chi in malafede intende rendere nota sulla rete una notizia che raggiunga quello scopo, si presta a far circolare informazioni errate su vicende o soggetti che animano discussioni nell’opinione pubblica.

L’espressione ” fake news ” indica proprio novità assolutamente inventate che hanno il fine di infangare persone e generare un odio incontrollato nella gente.

È facile intuire che questa realtà decisamente pericolosa necessita di interventi mirati e continuativi da parte di quei colossi del web che hanno un dominio incontrastato su tutto ciò che viene pubblicato su internet.

Pertanto aumentare i controlli sul contenuto di articoli che circolano all’interno dei social significa assicurare alle persone un filtro fondamentale per preservare una informazione libera e corretta.

Blog che rispettano rigorosamente una deontologia nella pubblicazione di articoli

Blog consolidati o di recente nascita risultano chiaramente partecipare all’idea di piattaforme di informazione laddove si esprimono opinioni nel rispetto di un’etica che annulla qualsiasi condotta deprecabile a danno di persone o accadimenti importanti.

Se pensiamo ad esempio a ebyce.com ci troviamo di fronte ad un blog che ospita articoli che spaziano dalla tecnologia alla salute la cui pubblicazione dipende certamente dal severo rispetto di regole ispirate quantomeno al buon senso.

Tale controllo a monte evita che siano pubblicati articoli dalle argomentazioni assai discutibili.

Sponsorizzati