fbpx

Come affilare il tuo coltello da caccia

knife-sharpening-on-whetstone.jpg

Un coltello spento è un coltello pericoloso. Potreste pensare che un coltello da caccia affilato ha più probabilità di tagliarvi, ma vi sbagliate.

Un coltello spento richiede più pressione per lavorare, il che significa un maggior rischio di scivolare e di incidenti spiacevoli. Il tuo coltello dovrebbe essere affilato in modo da poterlo tenere per ogni battuta di caccia.

L’affilatura dei coltelli è una pratica intrisa di tradizione, e molti anziani diranno che il loro modo particolare è l’unico modo. Fortunatamente, ottenere un bordo affilato è in realtà un processo abbastanza semplice, pochi colpi su una cote e sarà come nuovo.

I DIVERSI MODI DI AFFILARE IL TUO COLTELLO DA CACCIA

Uno degli aspetti più confusi dell’affilatura dei coltelli è la vasta gamma di dispositivi di affilatura che si possono usare. Gli strumenti di affilatura possono costare da 10 a più di 100 sterline, quindi è una buona idea familiarizzare con loro in modo da sapere qual è il migliore per le tue esigenze.

LA PIETRA D’OLIO

Pietre ad olio: Sono così chiamate perché gli utenti pensavano che l’olio di levigatura fosse necessario per lubrificare la pietra e rimuovere i trucioli di metallo. La maggior parte degli esperti, tuttavia, crede che l’olio non sia necessario, dato che l’acqua o niente di niente funziona altrettanto bene.

Sono fatti di una pietra naturalmente abrasiva e di solito sono venduti in set di due: una grana grossa per pugnali da caccia veramente opachi e una grana fine per lucidare un coltello già affilato. Le pietre si opacizzano con il tempo, e si dovrebbe sostituirle non appena si comincia a vedere una rientranza nella pietra.

LA COTE GIAPPONESE

Pietra per affilare giapponese: queste pietre devono essere immerse in acqua per alcuni minuti prima del processo di affilatura. L’acqua è una miscela di particelle di argilla e silice, che espande i pori della pietra e la rende più abrasiva. È meglio aggiungere un po’ d’acqua durante il processo di affilatura anche per la lubrificazione. Come per le pietre d’olio, devono essere sostituite quando si comincia a vedere una rientranza.

PIETRA IN CERAMICA

Pietre di ceramica: Gli affilatori di ceramica sono fatti dall’uomo e consistono in una griglia di ceramica incollata su un’asta solida. Se avete un set di coltelli nella vostra cucina, probabilmente li conoscete già. Il loro potere di affilatura è simile alla grana fine delle pietre da affilatura giapponesi e ad olio. Sono ottimi per lucidare un coltello già affilato, ma non i migliori per riportare in uso un coltello spento. Questi affilatori sono praticamente eterni, quindi non ci sono scuse per non averne uno nella tua cassetta degli attrezzi.

AFFILATORI DI CACCIA VELOCI

Affilatori rapidi: Questi gadget sono perfetti da portare nella borsa da caccia. Potresti aver dimenticato di affilare la tua lama prima di metterla via, o stai scuoiando un alce particolarmente difficile e il tuo coltello ha perso il filo nel processo. Sono molto facili da usare, basta far scorrere la lama attraverso le aperture di grana grossa o fine del palmare diverse volte e il vostro coltello sarà pronto per altri tagli.

AFFILARE UN COLTELLO DA CACCIA CON UNA PIETRA

La cote è probabilmente vecchia quanto la lama. È stato usato per affilare e modellare i coltelli fin dal Medioevo e anche prima. Le pietre ceramiche e diamantate sono eccellenti per questo lavoro, ma è meglio iniziare con una pietra abrasiva se sei un principiante.

Ora sei pronto per iniziare ad affilare il coltello e, fortunatamente, è molto più facile di quanto sembri.

Per iniziare, mettete la vostra cote su una superficie piana, come un bancone o un tavolo. Poi tenere la lama del coltello con entrambe le mani e farla scorrere sulla pietra con un angolo di 20 gradi. Se hai problemi a tenere la lama in questa posizione, ci sono delle guide che possono tenerla in posizione.

Poi spingi il coltello sulla superficie della pietra, immaginando che stai rasando dei piccoli peli dalla sua superficie. Fai da cinque a dieci di questi colpi, poi cambia lato per affilare il bordo opposto. Una volta che hai fatto questo diverse volte, la tua lama dovrebbe essere affilata come un rasoio e pronta all’uso.

Hai problemi con i tuoi coltelli da esterno che si consumano e diventano opachi? Trova difficile riaffilarli?

Se la risposta a queste domande è sì, probabilmente dovresti leggere questo articolo perché troverai alcuni consigli super utili che ti aiuteranno ad affilare perfettamente il tuo coltello ogni volta che devi andare all’aperto.

Detto questo, avrete comunque bisogno di mettere un po’ di tempo e di sforzo in questo processo, poiché richiede abilità. La cosa migliore da fare è iniziare con coltelli economici che non ti interessano e passare al tuo capolavoro una volta che l’hai imparato. Ecco i consigli essenziali di cui hai bisogno per mantenere i tuoi coltelli da esterno affilati come rasoi.

CONOSCERE L’ANGOLO DELLA TUA LAMA

Non si può affilare correttamente una lama senza ottenere l’angolo giusto, e per farlo è necessario conoscere l’angolo della tua lama. Ecco le linee guida di base per la maggior parte delle lame all’aperto:

Coltelli da caccia, coltelli da sopravvivenza, coltelli da tasca: 25-30 gradi.

Coltelli da disosso, coltelli da cucina e altri piccoli coltelli: 18-25 gradi

Machete: 30-35 gradi

Rasoi: 12-18 gradi

LA PREPARAZIONE È ESSENZIALE

Prima di decidere di usare una cote, è necessario prepararla. Ecco cosa dovete fare:

Pulisci la pietra da ogni residuo: i trucioli di metallo e l’olio possono sporcare la tua cote, il che può influenzare il processo di affilatura. Assicuratevi di pulire la pietra con acqua calda. Strofinare con una spazzola fino a quando tutto è pulito.

Bagnalo: Il nome della cote è lì per una ragione: la pietra deve essere immersa nell’acqua per funzionare. Cinque minuti di ammollo con un tubo o un secchio dovrebbero essere sufficienti.

Assicurati che sia stabile: la cote può scivolare mentre la usi. Si può costruire un supporto per tenerlo in posizione o gettare un panno sotto per tenerlo in posizione.

Aggiungere olio: Versare acqua sulla pietra è una cosa, ma si dovrebbe anche aggiungere olio.  L’olio riduce il calore generato dall’attrito e tiene i trucioli di metallo lontani dalla zona di lavoro. Basta un cucchiaino d’olio e il gioco è fatto.

SUGGERIMENTO BONUS

Questo suggerimento è semplice, ma è anche molto utile e ti aiuterà ad affilare la tua lama in poco tempo.

Tutto quello che dovete fare è disegnare una linea sulla smussatura del coltello con un pennarello o un pennarello indelebile.

Una volta fatto questo, passate il coltello sulla pietra diverse volte. Se l’hai tenuto con la giusta angolazione, la linea di pennarello che hai disegnato sulla lama dovrebbe essere scomparsa. Se è ancora lì, non avete tenuto l’angolo abbastanza bene.

Se vedi ancora i segni sul fondo del coltello ma non sulla parte superiore, l’angolo è troppo piatto – aumentalo.

Se è il contrario, devi diminuire l’angolo per fare il lavoro.  Vedi? È così semplice!

UTILIZZARE IL GRANO BUONO PER IL LAVORO

La maggior parte degli amanti dei coltelli pensano che dovrebbero iniziare con la grana più grossa e lavorare fino alla più fine, ma questo non è sempre vero. Ecco cosa dovreste fare:

Se il tuo coltello è fatto di un metallo più morbido, si consumerà più velocemente. Se questo è il caso, si dovrebbe sicuramente iniziare con una grana grossa e poi passare a una grana più fine. Se lasciate il bordo grezzo, si consumerà in poco tempo.

I coltelli più duri sono più resistenti, quindi si consumano più lentamente. Se avete uno di questi coltelli, una grana fine o media dovrebbe essere sufficiente.

QUANDO PASSARE A UNA COTE PIÙ FINE?

Se volete iniziare con una grana più grossa, sappiate che rischiate di togliere troppo materiale dal vostro coltello, il che non è mai buono. Ma come si fa a sapere quando passare a una grana più fine? Guarda la bava.

Quando si affila la lama da un lato, il materiale si accumula sull’altro bordo. Noi la chiamiamo bava, e la si può vedere quando si lavora con una grana grossa. Più la grana è fine, più è difficile vedere la bava. Questo è il motivo per cui molti affilatori professionali lavorano con lenti d’ingrandimento.

Anche se la bava è difficile da individuare, la si può sentire sotto le dita. Ma non passate il dito lungo la lama, perché vi tagliereste. Fai scorrere il dito dalla spina dorsale al bordo del coltello per controllare i tuoi progressi. Quando non puoi più vedere o sentire la bava, è il momento di passare a una mola più fine.

CONTARE I COLPI

Gli appassionati di coltelli sono in perdita per determinare il numero esatto di colpi necessari per affilare un coltello, ma la maggior parte degli esperti dice che sono necessari almeno cinque colpi su ogni lato. Se vuoi affilare un coltello da caccia spento, dovresti dare fino a 15 colpi su ogni lato.

Tuttavia, gli esperti di coltelli sono d’accordo che si dovrebbe fare lo stesso numero di colpi su ogni lato. Altrimenti, si rischia di prendere troppo materiale da una parte e non abbastanza dall’altra.

AFFILA SEMPRE IL TUO COLTELLO PRIMA CHE DIVENTI OPACO.

Questo è ovvio. Più il tuo coltello a lama fissa è opaco, più sarà difficile da affilare. Inoltre, i coltelli spenti sono molto più difficili da lavorare, il che li rende pericolosi. Ecco perché dovresti affilare i tuoi coltelli da esterno ogni volta che li usi.

Sponsorizzati