fbpx

Come abbinare gli aromi nei liquidi svapo

liquidi svapo guida

I neo svapatori, all’acquisto della sigaretta elettronica, scelgono di aggiungere qualche confezione di liquidi pronti, un po’ per comodità e un po’ per inesperienza.

C’è anche chi, successivamente, non vuole perdere tempo e continua a usare le miscele pronte, tuttavia, chi preferisce personalizzare le proprie svapate, ama creare i liquidi fai da te.

Preparare da soli gli e-liquid permette di risparmiare nel tempo e di provare diverse sfumature di aromi e sapori, creando ogni volta, gusti nuovi.

Non è consigliato improvvisare la creazione di liquidi svapo, il risultato potrebbe essere pessimo.

Esistono alcune regole da seguire se si vogliono ottenere e-liquid di qualità, in particolare, bisogna prestare attenzione alla composizione degli aromi.

Le regole per abbinare gli aromi nel modo giusto

Trovare il giusto abbinamento degli aromi è una cosa complessa, bisogna avere delle buone conoscenze di base. Ed è proprio dal liquido base che bisogna partire.

Si deve sempre iniziare dalla composizione di ogni e-liquid classico dell’e-cig, i componenti fondamentali sono: glicole propilenico, glicerina vegetale, acqua, nicotina ( a scelta), aromi concentrati o scomposti, naturali o chimici.

La base neutra è composta da glicerina vegetale, glicole propilenico e acqua, alla quale poi si aggiungono le diverse combinazioni di aromi.

Glicole propilenico

Il glicole propilenico ha varie funzioni, oltre a veicolare la nicotina e a rafforzare il famoso “colpo in gola”, esalta l’aroma e il gusto.

Se si desidera preparare un liquido con base composta soprattutto da Glicole propilenico, sacrificando la quantità di vapore prodotta nel complesso, basta aggiungere una concentrazione minore di aroma che, permetterà comunque di ottenere un profumo molto intenso e un vapore abbastanza spesso.

Glicerina vegetale

La glicerina vegetale aiuta a produrre molto fumo denso, ma non esalta particolarmente gli aromi e i sapori. Di conseguenza, chi preferisce fumare con il rilascio di molto vapore, ma senza sacrificare del tutto il gusto, dovrà addizionare al liquido base una quantità più consistente di aroma, per non perderne il sapore.

L’acqua

L’acqua rappresenta la parte neutra e non influisce particolarmente sull’aroma. Il dosaggio deve essere controllato per evitare che il glicole propilenico o la glicerina vegetale creino un liquido troppo denso, impedendo che avvenga un irrorazione del cotone e della resistenza non ottimale. È suggerito utilizzare un 5/10% di acqua all’interno della miscela per diluirla, indipendentemente dal resto e dall’aroma usato.

Quali aromi scegliere

Il gusto finale non è prevedibile, in quanto non è possibile assaggiare un aroma per capire che effetto farà una volta miscelato. Per cui bisogna fidarsi del produttore e di quanto dichiarato. A tal proposito, consigliamo di acquistare solo prodotti di qualità come gli aromi scomposti per sigarette della Vapr, per avere la certezza di utilizzare solo aromi certificati e sicuri.

L’aroma è come un profumo, bisogna testarlo per trovare quello che più ci piace. La scelta è del tutto personale, per cui, il nostro consiglio è quello di testare diverse soluzioni e provare a miscelarle fino a trovare la combinazione perfetta di sapori.

Con la pratica e l’esperienza sarà sempre più semplice creare liquidi fai da te e abbondonerete del tutto le miscele pronte.

Sponsorizzati