fbpx

Argento usato: una piccola fonte di guadagno

Argento Usato

Un tempo custodire gelosamente in casa oggetti d’argento, dalla classica dote matrimoniale di piatti e posate fino a candelabri, cornici e monili vari, era una cosa molto comune, e chi poteva permetterseli era ben consapevole della loro preziosità.

Oggi nonostante l’argento usato sia sempre lo stesso, questa concezione è cambiata e al contrario spesso si considerano questi oggetti inutili.

Sappiate però che l’argento usato può rappresentare una discreta fonte di profitto se si conosce il luogo adatto in cui portarlo, poiché proprio come l’oro o il platino possiede un prezioso valore intrinseco. Dunque, dove vendere argento?

Leggi anche: Fotografo di matrimonio: Raccontare una storia d’amore con “pochi scatti”

Il servizio compro oro

La risposta è piuttosto semplice: nella maggior parte dei negozio di Compro oro, in realtà, si può vendere anche l’argento usato.

Se è questa la vostra intenzione, sappiate che è bene affidarsi a degli esperti, che possano garantirvi di riconoscere l’argento non solo per il suo valore di metallo prezioso, ma anche di oggetto in sè.

Il vostro guadagno sarà maggiore se l’argento usato che volete vendere è in realtà una moneta antica, un gioiello particolare, un’oggetto raro.

Per accertarvi che si tratta effettivamente di vero argento basta far riferimento alle targhette applicate all’interno del lavorato, dove è riportato un codice: 925,926 o 999.

Ciascuno di essi indica un certo grado di preziosità che determina sostanzialmente anche il vostro guadagno: l’argento 925 è il più prezioso, a differenza di quello contrassegnato con 999 che invece è il più comune e diffuso.

Perciò è evidente che vendere dell’argento comune sarà meno redditizio che ‘liberarsi’ di monili più pregiati. Ad ogni modo, ricordate che vendere in grandi quantità conviene decisamente di più, poiché a differenza dell’oro, l’argento ha un valore per grammo più basso.

Argento Usato: a chi rivolgersi?

Quando vi recate all’interno di un Compro oro, sarà lo stesso negoziante a valutare i vostri oggetti, sia a livello di quantità (peso), che a livello di qualità.

Se volete controllare la correttezza della sua misurazione (semmai doveste avere dei dubbi), ricordatevi di fare una banale operazione a casa: pesate l’argento che avete intenzione di vendere.

Inoltre se avete la possibilità di scegliere tra più negozi, cercate di affidarvi ad un Compro oro che garantisca valutazioni abbastanza alte.

Una volta effettuata un’attenta analisi degli oggetti da voi consegnati, il negoziante potrà acquistare in modo sicuro e rapido il vostro argento usato, in base al valore che ritiene possa avere in riferimento alle quotazioni di mercato.

Questo vi permetterà di monetizzare attraverso gioielli e oggetti che avevate a casa e magari sarebbero finiti nel dimenticatoio.

Ogni vendita deve essere accertata necessariamente con il rilascio di una fattura e il pagamento immediato. Il negoziante è autorizzato a rilasciare in contanti fino ad un massimo di 500 euro; per tutti i pagamenti superiori a questa cifra dovrà ricorrere ad un assegno bancario o ad un bonifico per non mettervi in difficoltà con le norme antiriciclaggio e garantire la tranciabilità dell’operazione che insieme avete concluso.

Leggi anche: Timbro personalizzato con protezione antibatterica

Sponsorizzati
Torna su