Vendemmia 2018: come contenere e mantenere il vino in cantina

Vendemmia 2018: come contenere e mantenere il vino in cantina

la vendemmia del 2018 verrà ricordata sicuramente per la sua grande abbondanza, ma anche per gli enormi disagi (se così si possono definire) a tutti gli agricoltori che non sanno più dove mettere il grosso quantitativo di raccolti che questa stagione ha donato.

I serbatoi in acciaio inox per contenere il vino non bastano più e quindi i contadini e le grande aziende si stanno muovendo per cercare di smaltire tutta l’uva raccolta in questa vendemmia.

Se ti interessa sapere come di più sui serbatoi e contenitori per vino e olio in vetroresina ti consiglio di leggere anche questo articolo

Basti pensare che nella zona del Chianti nell’ultimo periodo si sono verificati numerosi ingorghi con ore e ore di attesa in mezzo alla strada, causate da trattori che stavano cercando di smistare l’uva vendemmiata di questi periodo nelle varie zone.

Quest’anno ne è arrivata veramente tanta e quindi tutti gli addetti ai lavori del settore vinicolo si sono messi al lavoro per cercare di monetizzare tutto questo ben di Dio che la natura gli ha donato sotto forma di uva. Ok! ma cosa fare se non si ha più spazio per contenerla nelle varie cantine?

serbatoi in acciaio inox per contenere il vino

Chiedere ai ristoranti di zona

In toscana è una pratica abbastanza diffusa quando si verificano vendemmie così abbondanti come quest’anno. Infatti, nelle principali zone vinicole della regione sono presenti molti ristoranti, alberghi B&B che non vedono l’ora di mostrare ai propri clienti la bottiglia di vino raffigurante sull’etichetta il brend dell’attività ricettiva.

Gli americani impazziscono per questo genere di cose 😉. In questa maniera sono contenti tutti, l’agricoltore che invece di stare ad impazzire e capire come conservare l’uva la smaltisce vendendolo ai ristoranti di zone e ci guadagna.In questo modo il titolare dell’attività fa bella figura con i propri ospiti con una cifra molto più ridotto rispetto all’acquisto normale di una bottiglia di vino.

Vendere il raccolto online

Si avete letto benissimo, ogni cosa si trova on-line, i negozi che vendono vino online ci tartassano tutti i giorni con pubblicità che ci compaiono ogni volta che accediamo su Facebook o Instagram. Quindi perchè non vendere anche l’uva in eccesso?

É già successo più e più volte, siti come subito e altri marketplace (soprattutto quello di facebook) danno la possibilità di vendere ogni cosa e quindi le persone non si sono fatte lasciare scappare questa occasione.

Questi solo alcuni metodi più o meno conosciuti, intanto, speriamo che oltre ad essere abbondante la vendemmia del 2018 sia anche di qualità visto che il valore dell’esportazione di vino Italiano è di 31,5 Miliardi e siamo ormai diventati i leader indiscussi del settore (a seguire la Francia).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *