fbpx

Giuseppe Cirino, le parole e i video che regalano speranza

54727794_10219157736884087_89739282905825280_o
Giuseppe Cirino, autore calabrese, racconta a suo modo il tempo. Esiste un piccolo segreto per fermarlo. 

Lo scrittore Calabrese, Giuseppe Cirino, pubblica qualche giorno fa un video su YouTube.

Video dal titolo ambizioso, o meglio titolo che pone una domanda: “Si può fermare il tempo?“. Nel video l’autore racconta, secondo la sua opinione personale, come ogni giorno invece di godersi il tempo ci affanniamo per inseguirlo.

Ci concentriamo sul sottotitolo che il tempo ci lascia, il messaggio nascosto, e cioè che non illimitato, quindi ci spaventiamo e iniziamo a voler fare più cose per non lasciarne nemmeno un secondo. Un breve video che ci fa riflettere sul nostro tempo.

Il video, di breve durata, riassume il segreto per poter fermare il tempo. Non è una ricetta illusoria, bensì la pura e semplice verità sul fatto che non si debbano fare più cose, inseguire i secondi e affannarsi.

Il messaggio è più intimo: “Bisogna godersi le piccole cose” Il focus del video sta nel non fare anche quello non ci piace pur di riempire le giornate. Non dilatare tutto volendo inserire il contenuto di 48 ore in una giornata da 24. Semplice?

Sembra quasi banale ma non è affatto da sottovalutare. A pensarci bene sprechiamo tanto tempo, commettiamo spesso l’errore di non concentrarci sulle cose che sono davvero importanti. Sbagliamo a non goderci i momenti, nel non dedicare tempo a quello che davvero ci rende felici e ci fa stare bene.

Dal blog dell’autore

Leggendo il blog dell’autore si ritrova lo stesso concetto del video anche in un suo post. Il discorso è fluente e fa molto pensare. Pezzo tratto da una serie di scritti che lui definisce “Diario di una persona normale” e che affrontano spesso tematiche di questo tipo, trattate dal punto di vista di una persona comune che mette i piedi a terra ogni mattina domandandosi come poter impreziosire la propria vita.

Cosa eliminare? Cosa evitare? Spesso si sofferma sui comportamenti delle persone, facendo analogie e comunque sempre elogiando la straordinaria bellezza delle persone di tutti i giorni, indagando le fragilità partendo dalle proprie paure.

A gennaio 2020 esce un suo racconto intitolato L’obbligo di ricordare, edito da Santelli Editore, che trova subito una grande cassa di risonanza sui Social e pare che nuovamente la tematica sia il tempo, i ricordi e il quanto ogni cambiamento influenzi una vita intera.

Il messaggio di Giuseppe è che il tempo sa essere spietato, spaventa, ma allo stesso tempo sa essere dolce. Tutto dipende da noi. Non possiamo evitare quello che ci fa soffrire ma di sicuro possiamo arricchirci di piccole cose e inserirle nel quotidiano. La bellezza delle cose che davvero ci piacciono ci aiuterà a perdonare il tempo, ad averlo come amico senza più rincorrerlo.

Sponsorizzati
Torna su