fbpx

Planimetria catastale: cosa è, chi la può richiedere e come risparmiare

planimetria-catastale-guida

La planimetria catastale è un documento che rappresenta graficamente, in scala, un immobile. Vengono rappresentati dati molto importanti relativi all’edificio di riferimento ed è necessaria per effettuare compravendite. Vediamo dettagliatamente di cosa si tratta, come averla e quanto costa.

 

Planimetria catastale: cosa è, chi la può richiedere e come risparmiare 1

 

Cosa è una planimetria catastale

 

La planimetria catastale è un documento che possiede qualsiasi tipologia di immobile e che permette di identificare quali proprietà catastali sono presenti sul territorio nazionale. Si tratta in maniera molto semplice del disegno grafico di un immobile rappresentato in scala, di solito 1:200, così com’è stato registrato al catasto e contiene moltissime informazioni utili relative all’edificio, cioè:

 

– i dati metrici, cioè le superfici, le altezze e i contorni della casa e delle stanze,

– le proprietà confinanti,

– il piano,

– la destinazione d’uso,

– la destinazione interna, ovvero la suddivisione delle camere

– eventuali pertinenze, come cantine, giardini, garage o altro

– l’ubicazione della casa nel territorio,

– gli identificativi catastali.

 

Si tratta della rappresentazione tecnica della casa. Ovviamente deve corrispondere esattamente alla situazione attuale reale, altrimenti non può essere considerata valida. Se nel tempo sono state apportate delle modifiche, quindi i locali seguono una diversa disposizione oppure dei muri sono stati abbattuti, allora è necessario rinnovare la planimetria, ma deve occuparsene un tecnico autorizzato. Tra questi possono eseguire il lavoro un architetto, un ingegnere o un perito industriale. Il disegno dovrà essere rettificato e presentato al catasto per una nuova registrazione.

 

La visura catastale deve essere richiesta obbligatoriamente in caso di compravendita, affitto, donazione di un immobile. Serve anche a calcolare in maniera precisa le tasse da pagare sullo stesso allo Stato, come la Tasi, l’Imu, la Tari, visto che contiene anche le informazioni inerenti al territorio in cui l’immobile stesso è ubicato. Oltretutto la planimetria catastale serve pure per richiedere l’allacciamento delle utenze e per avviare le pratiche edilizie o richiedere qualsiasi tipo di licenza, certificazione, permesso, Dia, nulla osta o ancora per richiedere il mutuo alla banca.

 

Chi può fare la planimetria catastale e chi la può richiedere

 

La planimetria catastale deve essere richiesta dal proprietario stesso dell’immobile oppure da un soggetto che è stato da lui delegato o dal suo rappresentante legale, se esso è di proprietà di una società. È possibile avanzare una richiesta di visura della planimetria catastale direttamente da internet, sui siti specializzati; non è più come una volta, che bisognava obbligatoriamente rivolgersi a un ufficio fisico. In questo modo servono appena 4 ore circa per ricevere la visura catastale via mail.

 

Per quanto riguarda invece la realizzazione vera e propria della planimetria catastale, invece, come abbiamo già sottolineato, deve essere un tecnico specializzato a realizzarla. Deve essere disegnata la planimetria ogni qualvolta si costruisca un nuovo fabbricato o quando ci sono variazioni dello stato delle unità già censite, un tecnico deve presentare al catasto un nuovo elaborato grafico.

 

Quanto costa realizzare una planimetria catastale

 

Il costo della realizzazione della planimetria catastale dipende dal tecnico a cui ci si affida e quindi dall’ammontare della sua parcella. Sono differenti le variabili che lo determinano, per questo motivo è bene chiedere direttamente al professionista, che saprà fornire ogni informazione valida. Potrebbe interessarti approfondire questo argomento e vedere gli esempi di costo pubblicati nell’apposita guida ai costi di EdilnetElaborato planimetrico: quale il costo?

 

Per quanto riguarda invece la visura, la planimetria può essere richiesta gratuitamente dai titolari di diritti reali, risultanti in catasto, o da loro delegati. La consultazione dei dati disponibili in formato cartaceo è possibile solo presso l’Ufficio provinciale – Territorio competente.

 

Se parliamo di planimetrie presenti nella banca dati informatizzata, allora vengono rilasciate gratuitamente. Per le planimetrie disponibili solo in formato cartaceo invece può essere rilasciata la copia secondo le modalità previste per le certificazioni catastali, pagando prima però i tributi speciali e l’imposta di bollo.

 

Come è possibile risparmiare sulla realizzazione di una planimetria catastale

 

Per poter risparmiare nella realizzazione della planimetria catastale, è necessario fare una ricerca dei migliori professionisti della zona di residenza. Basta chiedere un preventivo ad alcuni tecnici specializzati, parti da un massimo di 3 o 4 e usa il servizio gratuito online di Edilnet.it. Confrontali, in modo tale da poter scegliere l’alternativa che si avvicina di più al tuo budget.

 

– Se questa mini guida sulla planimetria catastale ti è piaciuta, condividila pure con i tuoi amici.
Grazie!

Sponsorizzati