fbpx

Fresa per spianare il legno: a cosa serve e come funziona

Fresa per spianare il legno a cosa serve e come funziona

Quando parliamo della fresa per il legno facciamo riferimento a un attrezzo fondamentale, che non può e non deve mai mancare all’interno di una cassetta: tutti, dagli artigiani agli esperti del settore, passando per gli hobbisti e gli amanti del fai da te, ne hanno una.
Si tratta di scalpelli rotativi che trovano la loro azione quando vengono applicati a una fresatrice e con essi si possono effettuare molteplici tipologie di lavorazione.

In commercio esistono diversi tipi di frese, poiché queste ultime non servono solo per lavorare il legno, ma anche tanti altri materiali. Tuttavia, in questo articolo ci soffermeremo sulla fresa per spianare il legno (vedi quelle di Fraiser Tools), quindi se siete alla ricerca di maggiori informazioni su quest’ultima, siete nel posto giusto.

Fresa per spianare il legno

Spianare è sinonimo di livellare: per questo motivo, il fine della fresa è proprio questo, quello di portare il legno a livello. Mediante l’utilizzo di questo importante strumento quindi, si vanno a rimuovere i materiali dalle superfici (anche grandi).
Utilizzando la fresa per spianare dunque, il piano lavorato viene livellato a dovere e ancor di più se la fresa in questione è di alta qualità. In questo caso infatti, si vanno ad eliminare anche le più piccole imperfezioni.

Per utilizzare la macchina nel modo corretto, è importante evitare di forzarla, ma al contrario, lavorare a una velocità e ad una potenza adeguata. Questa accortezza assicura una maggiore sicurezza in quanto si scongiura in primis la rottura delle lame e in secondo luogo garantisce un maggior controllo della fresa.

Fresa per spianare il legno: come scegliere quella giusta

Prima di procedere all’acquisto, è importante sapere bene quali sono i principali fattori da prendere in considerazione, così fa non sbagliare la scelta.

Le frese vengono generalmente acquistate in set: il primo aspetto da valutare è quello relativo alla tipologia di utilizzo che si deve fare. Nel caso in cui l’intenzione è quella di effettuare lavorazioni semplici e sporadiche, allora potrebbe essere sufficiente acquistare un set che includa un numero di punte base e limitato.
Per le lavorazioni più specifiche e complicate invece, il suggerimento è quello di procurarsi un kit più completo per effettuare non solo tagli, ma anche incisioni e scalanature: c’è bisogno quindi di frese diverse e più numerose.

A seconda della tipologia di lavoro che si deve effettuare, è fondamentale scegliere la fresa per spianare della dimensione giusta: per le lavorazioni semplici generalmente viene utilizzata quella della misura standard, che è pari ad 8 mm, ma si può scegliere un’ampiezza maggiore in caso di lavorazioni più specifiche.
Altro aspetto fondamentale riguarda il materiale con cui è realizzata la fresa: in commercio si trovano le frese in acciaio, in metallo duro e in policristallino diamante.

Le prime sono senza dubbio quello più comuni, poiché sono le più economiche in assoluto. Tuttavia, rispetto alle altre risultano essere meno resistenti e quindi più soggette a danni e usura.
Quelle in metallo duro invece, rappresentano la via di mezzo: è un elemento molto versatile e quindi può essere utilizzato per la stragrande maggioranza delle lavorazioni.
Il diamante policristallino è tra tutti il più resistente, particolarmente indicato per le lavorazioni ripetute e per materiali duri e solidi.

Frese per legno: perchè è importante averle

Avere a disposizione un set di frese consente in primis di risparmiare tempo e di avere tutto in ordine, poichè i kit sono molto pratici. Consente inoltre di effettuare lavorazioni professionali in particolar modo se l’attrezzo acquistato è di alta qualità: in questo caso si possono anche diversificare in maniera efficace le lavorazioni.

Sponsorizzati