fbpx

Come scegliere l’illuminazione del bagno

illuminazione bagno

Scegliere l’illuminazione per il bagno vuol dire scegliere i tipi di apparecchi luminosi e la loro collocazione

Nelle fasi in cui una casa è progettata o ristruttura è da considerare non solo dove collocare i punti luce, ma anche il tipo di luce che deve essere collocata, e tra queste rientrano quelle dei bagni.

Il bagno per sua natura può assolvere a diverse funzioni.

In questo ambiente ci si può rilassare, con una doccia prima di andare al lavoro, oppure si può usare come fosse un salone per la bellezza, attraverso creme, olii e maschere. In più aggiungiamoci anche la lettura di articoli di giornale, magari mentre ci si rilassa. Proprio per questi motivi, l’illuminazione deve essere alquanto dinamica e insieme flessibile, dovendo soddisfare varie esigenze.

Quale apparecchio luminoso installare?

Per fare una giusta scelta degli oggetti di illuminazione, bisogna tener conto sia degli effetti di luce che si vogliono creare sia il livello con cui sono protetti dai getti dell’acqua.

Affidarsi all’applique a led vuol dire essere al sicuro per la protezione dall’acqua e dalle polveri. Soluzioni alternative possono essere un lampadario a sospensione, integrabile con luci Led o dei faretti a Led installabili ad incasso, da scegliere sia fissi che orientabili con un largo fascio luminoso.

Per poter creare dei punti con luce chiara sopra lo specchio, si può scegliere per barre con tubi a Led ad alta efficienza, o in alternativa strisce a Led che vanno applicate alle estremità degli specchi.

Inoltre, è anche possibile sfruttare l’illuminazione di tipo indiretto per esaltare l’arredamento.

La temperatura del colore

La temperatura del colore consigliata per illuminare il bagno è sui circa sui 4000K, abbastanza neutra. I colori sarebbero alterati da temperature superiori.

Le temperature del colore piuttosto fredde sono maggiormente adatte agli ambienti di lavoro, le calde invece, creano un’atmosfera familiare.

I punti luce necessari

La quantità di punti luce da collocare in bagno, dipende prima di tutto dalle dimensioni dell’ambiente, dalla luce naturale che è presente, e dalla particolare atmosfera che si intende creare.

Un bagno senza finestre richiederà ad esempio un numero maggiore di punti luce.

Per ridurre i consumi di energia elettrica si consigliano punti luce a Led.

Posizionamento degli apparecchi luminosi

Per ottenere un’illuminazione molto funzionale, in genere è adatta una plafoniera collocata al centro del bagno.

Per creare un’atmosfera, si punta sui faretti a Led e su particolari colori.

Vicino allo specchio sono assolutamente da evitare zone di ombra, che non solo sono antiestetiche, ma possono cambiare la percezione del riflesso nello specchio.

E’ così importante installare luci laterali per evitare l’effetto ombra.

E’ possibile installare punti luce vicini a doccia e vasca, ma facendo attenzione all’indice di protezione dall’acqua, che ovviamente deve salire con l’aumento della vicinanza alle fonti d’acqua.

L’illuminazione a led nel bagno

La tecnologia a led, è perfetta per una sistemazione nel bagno.

Non solo offre infatti, un notevole risparmio energetico, ma ha caratteristiche specifiche come il fatto che i Led non si riscaldano e sono molto resistenti all’umidità.

Proprio per questi fattori, diversamente dalle luci ad incandescenza, le luce a Led hanno meno probabilità di guastarsi se collocate nei bagni, e allo stesso tempo non rilasciano calore nell’ambiente.

Sponsorizzati