fbpx

Come scegliere il condizionatore in base ai BTU

Il BTU è la capacità di refrigerazione o di riscaldamento di un condizionatore nell’arco di tempo di un’ora; nel momento in cui acquisterete un condizionatore dovrete valutare la il rapporto tra il BTU e la metratura dell’ambiente, ovvero BTU/mq. In questo modo potrete effettuare la scelta più equilibrata a livello economico e di funzionalità, oltre che rispettoso per l’ambiente. Ne abbiamo parlato con il servizio di assistenza condizionatori a Firenze che trovi a questo link. Continua a leggere se sei interessato!

Considerazioni da fare quando si acquista un condizionatore

Innanzitutto se lo posizionerete in una stanca piccola o grande, se la stanza è esposta al sole oppure no, se è generalmente frequentata da poche o più persone e se al suo interno ci sono anche altri elettrodomestici; è chiaro che in presenza ad esempio di un forno la stanza sarà più mite rispetto alle altre.

Come calcolare i BTU del condizionatore necessari nelle varie stanze

Nel caso di una stanza piccola, tra i 25 e i 35 mq avrete bisogno di un condizionatore di 6000 o 9000 BTU; se invece dovete pensare a una stanza più ampia con ampie finestre e i cui soffitti sono alti, dovrete valutare un condizionatore con una potenza di 12000 BTU. Questi sono i parametri dei quali dovrete tenere conto.

Altre variabili da prendere in considerazione per l’acquisto di un condizionatore

Come detto sopra, dovrete valutare l’acquisto in base alla regolare presenza di persone nella stanza; un salotto è usato di solito da più persone rispetto ad una camera, ognuno di voi poi farà questa valutazione rispetto alla propria abitazione; altra cosa importante da tenere in considerazione è l’isolamento della vostra cosa; tanto più è efficiente, meno o nulla sarà la dispersione dell’aria fresca o calda.

In funzione di tutto ciò non vi resterà che scegliere tra un condizionatore on-of o inverter, la differenza è che il primo si accende e spegne frequentemente per raggiungere la temperatura desiderata, per questo anche se è più economico presenta poi consumi energetici molto elevati; il secondo invece è più caro ma, essendo un condizionatore che si modula a seconda della temperatura presente, consente di avere un grande risparmio energetico nel tempo, ecco perché è sempre la scelta ideale in caso di ambienti di ampie metrature.

Potranno sembrare tante le cose delle quali dovrete tenere conto nel momento in cui lo acquisterete, ma è di fondamentale importanza pensarci, per aver in casa vostra la massima efficienza sia i estate che in inverno, per non aver nessuna dispersione e soprattutto per non avere spese eccessive a lungo andare ne caso di stanze molto ampie da riscaldare o refrigerare, sia nelle abitazioni private che nei ristoranti, dai parrucchieri e centri estetici, nei luoghi usati anche per fini lavorativi e intensamente frequentati da molte persone e dove si cerca di risparmiare il più possibile sulle bollette, in caso di alti costi importanti da sostenere.

Ti è stato utile l’articolo? Leggi anche questo su come funziona un condizionatore e le diverse tipologie!

Sponsorizzati