fbpx
Non ti accontentare di un solo link! Scopri il nuovo sito di Article Marketig Italiano di qualità. Doors.it »

Come collegare le strisce a LED

come collegare le strisce a LED

Hai bisogno di collegare delle strisce a LED? Non preoccuparti, non è affatto difficile. Nel corso di quest’articolo ne verrà spiegata la procedura, cosicché possiate farlo direttamente da casa vostra. Nel caso sia necessario effettuare degli aggiustamenti dell’impianto elettrico, il consiglio è quello di rivolgersi ad un servizio elettricista attivo a Torino, o nella zona in cui abitate, per effettuare l’intervento nella massima sicurezza.

Cos’è e come funziona un LED?

Prima di proseguire con la risoluzione del problema proposto nel titolo, è bene fare qualche passo indietro. Il LED, acronimo di LIGHT EMITTED DIODE, è un componente elettronico che emette luce al passaggio di corrente. Per la maggior parte sono costituiti da dei semiconduttori realizzati in fosfuro di gallio, arseniuro di gallo o arseniuro di fosfuro di gallio. Per poter funzionare devono essere costantemente alimentati e polarizzati. Ciò che ha permesso ai LED di imporsi sul mercato è il basso prezzo, unito a un gran efficienza e affidabilità.

Come collegare le strisce a LED

A cosa servono? Le strisce a LED vengono maggiormente utilizzate per impiegare in maniera semplice ed efficace le potenzialità di questo dispositivo elettronico. Generalmente vengono vendute in bobine di 5 metri di lunghezza. Per un corretto funzionamento, necessitano di un’alimentazione di 12 o 24 volts: come in tutti i dispositivi elettronici, bisognerà prestare particolare attenzione a come vengono alimentati. Ciò è incentivato dal fatto che i diodi permettono il passaggio di corrente in una sola direzione e, quindi, eventuali errori nel collegamento rischierebbero di comprometterne l’efficienza e la durata.

Le strisce a LED funzionano a basso voltaggio e quindi sarà necessario collegarli a degli alimentatori di adeguata potenza. Generalmente, per poterli collegare correttamente ad esso occorre seguire questi semplici passaggi:

  • scindere le strisce di LED seguendo la linea con il simbolo delle forbici, stando attenti a non tagliare i vari contatti;
  • nel caso in cui sia presente dello sporco, è sufficiente rimuoverlo utilizzando dell’alcool o, in caso di silicone, toglierlo delicatamente con un taglierino;
  • questo è uno dei punti più importanti, in quanto riguarda la polarizzazione della striscia. Sopra alla stessa dovrebbero esserci un più e un meno: al primo va generalmente collegato un cavo rosso o azzurro ( rappresentante il polo positivo), mentre al meno un cavo nero, il quale simboleggerà il polo negativo;
  • pre-stagnare sia i contatti, che i cavetti;
  • finire la stagnatura iniziata nel punto precedente e, successivamente, collegare i morsetti all’alimentatore. Prima di fare ciò, è raccomandato spegnere l’alimentatore, così da ridurre al minimo le probabilità di prendere la scossa e, inoltre, di rovinare la striscia a causa di picchi di corrente.

Concludendo, spero che, dopo aver letto quest’articolo, tu abbia appreso sufficienti informazioni su quest’argomento e che riuscirai a collegare le tue strisce a led senza problemi e in totale sicurezza.

Ti interessa avere nuove idee per il tuo impianto elettrico? Leggi anche questo articolo sull’impianto a vista!

Sponsorizzati