fbpx

Chi paga lo spurgo della fogna? Inquilino o proprietario?

spurgo fogna

Sei un inquilino e ti chiedi se lo spurgo fogna devi pagarlo tu o il proprietario? In base alle normative le spese per l’intervento di spurgo fogna deve essere pagato dall’inquilino. La soluzione a tale domanda è frutto della collaborazione di www.idraulico-roma.me , che vanta una lunga esperienza nel settore e che esegue interventi diretti a ripristinare il corretto funzionamento delle fognature, operando nel rispetto di tutte le norme di legge.

Leggi anche: Article Marketing Italiano

Spurgo fogna: in base alle normative sono a carico del conduttore

Nell’ambito dei rapporti di locazione, per capire a chi spettano le spese relative alle operazioni di spurgo di un pozzetto della fogna è necessario fare riferimento alle norme legislative, a quelle relative ve ai contratti di affitto.

In base all’articolo 9 della legge 392/78, le spese legate allo spurgo dei pozzi neri, così come quelle relative al servizio di pulizia e manutenzione degli ascensori, della fornitura di acqua, energia elettrica, gas e altri servizi comuni sono a carico del conduttore, salvo non sia stabilito diversamente.

Leggi anche: Saponetta Wifi: Come Fuziona

A tale legge, si deve aggiungere quanto contenuto nell’allegato D al decreto 16 gennaio 2017, del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, che stabilisce che nel caso di contratti di locazione ad uso abitativo con canone concordato, transitori e per studenti universitari, le spese per gli interventi di manutenzione ordinaria della rete di fognatura, tra cui la disotturazione dei condotti e pozzetti devono essere pagati dal conduttore.

Tenendo conto di tale disposizioni se sei un inquilino, lo spurgo della rete fognaria sono di tua competenza, in quanto sei tu che usufruisci degli impianti fognari dell’abitazione e di conseguenze devi sostenere i costi per la loro pulizia.

Spurgo fogna per difetti dell’impianto

Nel caso l’impianto fognario presenti dei difetti, che comportano una continua ostruzione le spese per mantenerlo funzionale, sono sempre di tua competenza. Mentre se si tratta di un malfunzionamento che non è dovuto al tuo utilizzo ma a problemi dell’impianto, le operazioni di spurgo devono essere pagate dal proprietà. Naturalmente devi dimostrare che l’ostruzione è dovuta a un difetto preesistente nella fogna.

Leggi anche: Le parole più cercate su Google in Italia

Contratto di locazione e spese di spurgo

Prima di procedere al pagamento delle spese di manutenzione ordinaria e di spurgo del condominio, devi sempre controllare bene le clausole del contratto di locazione. Infatti, in quest’ultimo deve essere chiaramente scritto che gli oneri accessori e quindi le spese condominiali sono a carico del locatario, qualora non sia inserita tale indicazione, spetta al proprietario pagarle.

In ogni caso se gli oneri condominiali relativi allo spurgo della fogna sono di tua competenza hai diritto di verificare che la somma che ti viene richiesta sia giusta, richiedendo informazioni dettagliate sull’entità della spesa e i criteri utilizzati per la ripartizione.

Inoltre, puoi pretendere di visionare i documenti che attestino tali dati. Per far valere i tuoi diritti puoi rivolgiti direttamente all’amministratore (art. 1130-bis c.c.).

Le spese di spurgo devi pagarle entro due mesi dalla richiesta. In tale periodo di tempo puoi effettuare le verifiche indicate precedentemente. Trascorso tale periodo se non hai provveduto al pagamento degli oneri condominiali e questi hanno un importo superiore a quello di due mensilità di affitto, il proprietario può sfrattarti per morosità e chiedere la risoluzione del contratto.

Sponsorizzati
Torna su