fbpx

Digital detox: cos’è e come farlo?

digital detox

Digital detox è un termine che è stato coniato circa 10 anni fa per provare a disintossicarsi da pc e smartphone. Cosa significa realmente e perché è diventato così importante e sulla bocca di tutti?

Negli ultimi dieci anni l’utilizzo dello smartphone è cresciuto in maniera esponenziale, tanto che alcuni lo definiscono come un’estensione del braccio umano.

Molti ragazzi hanno confessato di temere la disconnessione dalla propria vita online e di andare in totale panico nel caso dovesse succedere di rimanere per troppo tempo lontani dal proprio dispositivo.

Leggi anche: 3 Regole da rispettare nell’Article Marketing italiano

Ecco che arriva quindi l’esercizio per allontanarsi da questa dipendenza: il digital detox. Di cosa stiamo parlando?

Per digital detox ci riferiamo al periodo di tempo che decidiamo volontariamente di passare lontani da social media, altre piattaforme digitali e non solo. Il termine include anche l’allontanamento da smartphone, tablet, PC e altri device simili, con l’obiettivo di rendere più sano il proprio rapporto con la tecnologia e liberare la mente.

Dico liberare la mente ma potrei tranquillamente cambiare in “curare la mente”. Sì perché stiamo parlando di numeri che fanno realmente paura e che si possono associare ad una vera e propria dipendenza.

Secondo Dscout, marketing leader in dati e metriche, controlliamo lo schermo del nostro cellulare in media 2600 volte al giorno; alcuni riescono addirittura a superare quota 5000.

Soprattutto tra i più giovani è frequente il cosiddetto vamping, ossia passare l’intera notte svegli e attaccati al proprio smartphone.

Digital detox: In quale modo veniamo attratti dai social media

I social media ci fanno questo effetto: ci arricchiscono di informazioni e poi quando proviamo a disconnetterci ci sussurrano all’orecchio: “Lo sai che ti stai perdendo delle succosissime news?” Abbiamo parlato di dipendenza e aspetti negativi che però non abbiamo elencato.

I social danno una batosta alla nostra produttività.

Il danno è provocato dalle notifiche che provengono da Whatsapp, Facebook, Instagram e via dicendo. Anche se stiamo facendo l’attività più importante della nostra esistenza, quel suono (o vibrazione nel caso di modalità “vibrazione”) lancia un segnale al nostro corpo che ha come un vero e proprio sussulto. Alcuni hanno come dei piccoli stop alla respirazioni, altri staccando semplicemente il cervello e cominciano ad immaginare da quale app provenga la notifica.

Se stai pensando di mettere in pausa le notifiche di Instagram, segui questi semplici passaggi che si imparano seguendo qualsiasi corso social media. Impostazioni > Notifiche > Metti in pausa (tasto per disattivare tutte le notifiche per alcune ore), in alternativa si può decidere di disattivare le notifiche singolarmente per ogni tipologia di “notifica push” (post, storie, live e via dicendo).

Quante volte ci è capitato di passare tanto tempo sui social e di arrivare a fine giornata totalmente distrutti… Una vera stanchezza fisica che ci fa pensare: “Basta, da domani mi prometto di dedicare meno tempo a Instagram” e poi ricadere miseramente nella trappola social. Secondo gli esperti si tratta di un meccanismo di stimolo-risposta, che è comparabile alla sensazione di pericolo.

Leggi anche: Come fare Content Marketing di qualità: 4 aspetti importanti

Digital detox: Gli effetti dei social media

Il nostro organismo risponde con dei veri e propri cambiamenti fisiologici: aumento del battito cardiaco, sudorazione aumentata, riduzione della salivazione, dilatazione delle pupille… Non desidero creare allarmismi; è però chiaro a tutti che al giorno d’oggi sono incrementate molto le patologie derivanti dall’utilizzo eccessivo di dispositivi. Tra i principali segnalo:

  • disturbi da affaticamento degli occhi;
  • emicranie frequenti;
  • alterazione del ciclo sonno-veglia legato alla luce blu degli smartphone e all’alterazione del rilascio della melatonina.

Quello sul quale preferisco soffermarmi (e poi giuro che concludo) è però il più grande beneficio che può donare una sessione di disintossicazione da social: sto parlando dell’imparare a vivere con serenità il digitale, senza pensare unicamente a crescere sui social.

Trascorrere del tempo sui social non è il male… Alla fin fine si ha la possibilità di scoprire fantastiche realtà. L’importante è non dimenticare di prendere più tempo possibile ogni giorno, mettete da parte telefono e computer e dedicate tempo a chi ci circonda.

Sponsorizzati
Torna su