fbpx

Spedire nel mondo con 3 click

spedire nel mondo con 3 click

Sono veramente tanti i motivi per cui ci si trova ad aver bisogno di spedire pacchi, buste o pallet prima o poi nella vita. Dallo studente e lavoratore fuori sede che ha bisogno di farsi spedire o trasferire i propri effetti personali, alle aziende che vendono o inviano le proprie campionature e, specialmente negli ultimi anni, privati che hanno avviato un’attività online, magari come secondo lavoro. La componente spedizioni in questi casi diventa fondamentale, sia per quanto riguarda la qualità del servizio, sia per i costi che dovranno essere convenienti, al fine di essere competitivi e/o risparmiare. La maggior parte del traffico delle spedizioni in partenza in Italia negli ultimi decenni si è concentrato non solo in Italia ed in Europa, ma anche nel resto del mondo. Grazie da un lato ai tanti emigrati italiani e loro figli nel mondo e dall’altro l’affermazione dei brand Made in Italy nel mondo.

Cosa è possibile spedire nel mondo e cosa invece no?

Ma cosa cambia tra le spedizioni in Italia, quelle in Europa e quelle extraeuropee? Non c’è sostanziale differenza tra le spedizioni in Italia e quelle in Europa, se non per i costi e per i divieti di alcune tipologie di merci come tabacco ed alcolici. E’ vietato spedire tabacco e superalcolici in grandi quantità nelle altre nazioni. Mentre per spedire al di fuori dell’UE sono necessari una serie di documenti come ad esempio la fattura proforma, la dichiarazione di libera esportazione, copia del documento d’identità e codice fiscale nel caso di privati cittadini. In caso di alimenti è necessario produrre anche i certificati di salubrità. In merito alle tipologie che non è possibile esportare è opportuno consultare la guida dell’agenzia delle dogane.

Come calcolare i costi di spedizione nel mondo, dazi ed IVA?

Un altro aspetto da tenere in conto è che le merci sono soggette al pagamento di dazi doganali e dell’IVA nel paese di destinazione, lì dove non previste le franchigie. Prima di spedire qualsiasi oggetto al di fuori dell’UE è bene consultare i vari siti governativi, o rivolgersi ad esperti del settore, al fine di verificare che non ci siano particolari divieti e/o eccessivi costi di esportazione. Generalmente il dazio viene applicato sul valore della transazione mentre l’IVA verrà applicata sull’importo dato dalla somma tra il valore della transazione e il dazio.

Esempio.

Acquistate un bene dal valore di 200€ (Valore intrinseco) + 30€ di spedizione, quindi il valore della transazione sarà di 230€.

Calcolo del dazio: Sul valore della transazione la dogana applicherà un dazio specifico, poniamo del 3%, ottenendo un valore di 236.90€ (230€ + (230€ x 3%)). In altre parole il dazio pagato è di 6.90€.

Calcolo dell’IVA: Sul valore ottenuto prima, 236.90€, si applicherà l’aliquota IVA specifica, poniamo del 22%, ottenendo un valore di 289.02€ (236.90€ + (236.90€ x 22%)). In altre parole l’IVA pagata è di 52.12€.

Quando si applicano le franchigie ai dazi doganali

Da privato a privato la normativa prevede la franchigia ai diritti all’importazione, ovvero l’esenzione da dazi e IVA, nei seguenti casi:

•    la spedizione avviene da un privato ad un privato;
•    sia priva di carattere commerciale;
•    sia effettuata a titolo gratuito;
•    non superi i 45€ per spedizione;

Da privato a privato la normativa prevede il dazio forfettario del 2,5%:

•    sono di natura occasionale;
•    i beni sono destinati all’uso personale o familiare;
•    vengono spediti dal mittente al destinatario senza alcuna forma di pagamento;
•    il valore della merce non superi i 700€;
•    Non siano beni rientranti nella categoria “Tabacco e prodotti del tabacco lavorati”.

Da Azienda a privato la normativa prevede la franchigia ai diritti all’importazione, ovvero l’esenzione da dazi e IVA, nei seguenti casi:

•    Fino ad un valore intrinseco di € 22 vi è l’esenzione dai dazi e dall’IVA;
•    tra € 22 e € 150 di valore intrinseco non si dovranno pagare i dazi ma si dovrà pagare la relativa aliquota IVA;
•    sopra i 150€ di valore intrinseco saranno applicati sia i dazi doganali sia l’aliquota IVA.
I prodotti alcolici, i profumi e le eau de toilette, il tabacco e i prodotti del tabacco sono esclusi dall’esenzione dai dazi.

A chi rivolgersi per spedire nel mondo?

Tra le domande che ci si pone prima di spedire c’è: “A chi mi rivolgo per effettuare la spedizione?”. Questo dipende dalle esigenze che si hanno, oltre che dalla disponibilità finanziaria. Ci sono diverse tipologie di aziende di trasporto che posso effettuare questo compito. Per scegliere il più appropriato operatore bisogna innanzitutto conoscere la quantità, il peso e l’ingombro della merce da spedire. La conoscenza di queste informazioni è necessaria per richiedere un preventivo a chiunque ci si rivolga.

Uffici postali e poste private

In ogni città o paese d’Italia è presente un ufficio postale o una posta privata, di solito in franchising, in cui è possibile recarsi per effettuare una spedizione anche all’estero. Presso questi uffici, oltre alla possibilità di trovare il materiale per l’imballaggio, avrete anche l’assistenza necessaria per compilare i vari documenti doganali richiesti. Presso questi uffici dovrete portare il pacco o il pallet voi stessi negli orari di apertura. In genere, i prezzi delle spedizioni presso poste private sono più alti rispetto ad altre soluzioni. Le Poste Italiane gestiscono le spedizioni verso l’estero con propri mezzi sul territorio nazionale, affidando poi ai loro partner (altre poste negli altri stati),  per la consegna ai destinatari. Alcune poste private hanno un sistema di gestione tramite mezzi dei propri affiliati oppure si appoggiano a dei corrieri espressi grazie agli abbonamenti che stipulano.

Corrieri espressi

Per spedire in un’altra nazione tramite un corriere espresso ci sono diverse possibilità. E’ possibile recarsi presso una delle tante filiali sparse sul territorio italiano. In genere però le filiali si trovano in zone industriali e lontane dal centro abitato. Inoltre, per i clienti occasionali che si recano per la prima volta ad  effettuare una spedizione, applicano i listini pieni senza scontistica. Con prezzi da capogiro proprio per le spedizioni internazionali. Altra possibilità è attraverso il sitoweb del corriere espresso, ma anche qui, oltre a vedervi applicati i listini senza sconto, le procedure di compilazione previste dai corrieri sono molto complicate e prevedono una conoscenza e preparazione avanzata. In questa categoria rientrano anche i le agenzie di pony express, che sono gli antenati del Far West dei più moderni corrieri espressi.

Spedizionieri

Con spedizioniere si intende una figura professionale, spesso chiamato architetto delle spedizioni, la cui missione è quella di trasferire le merci per conto dei propri clienti, occupandosi di reperire i mezzi necessari e sbrigare tutte le pratiche necessarie al trasferimento. Questa figura è speso un intermediario tra chi deve spedire ed il corriere espresso, in questi casi ha la funzione di aiutare il mittente in tutte le fasi di una spedizione. Negli ultimi anni sono spiccati in auge gli spedizionieri online, aziende che attraverso il proprio sitoweb, attraverso cui è possibile effettuare anche spedizioni internazionali di pacchi e pallet tramite corriere espresso. Ce n’è sono di due tipi: comparatori di prezzi e non. Il vantaggio di utilizzare uno o l’altro, è che propongono prezzi molto convenienti grazie alle scontistiche a loro riservate. Inoltre, avendo a che fare con un numero limitato di utenti, riescono ad assistere con maggiore attenzione il cliente.

Come spedire nel mondo

Innanzitutto, prima di spedire nel mondo è necessario preparare la merce, imballando in pacchi oppure pallet, al fine di avere un riferimento sia per valutare la fattibilità della spedizione che per calcolare i vari costi da sostenere. Le spedizioni nel mondo sono soggette a vari spostamenti ed avvengono attraverso il trasporto multi-modale, cioè utilizzando varie tipologie di mezzi di trasporto su gomma, via mare, via aerea e su rotaie. Pertanto è opportuno un adeguato imballaggio della merce, che sarà sottoposta ad importanti sollecitazioni ed urti durante il trasporto. L’utilizzo di materiale da imballaggio adeguato, unite a delle tecniche corrette di confezionamento dei prodotti, è la migliore garanzia per far arrivare integra la merce a destinazione.

L’appartenenza alla comunità europea prevede e garantisce anche il libero scambio delle merci tra le nazioni appartenenti. Le spedizioni dall’Italia verso i paesi Ue sono paragonabili a quelle nazionali nelle modalità e nelle procedure. A parte i costi , che sono leggermente più elevati, non ci sono sostanziali differenze e risulta semplicissimo approntare una spedizione nell’UE. Tramite corriere espresso un pacco con servizio standard impiega un paio di giorni per essere consegnato da una nazione ad un’altra.

Come spedire dall’Italia verso paesi non Ue

Come già precedentemente accennato, a differenza delle spedizioni con destinazione Italia ed in Europa, sono necessari anche i documenti doganali ed il pagamento dei dazi ove previsti. Ma vediamo nel dettaglio quali sono gli step fondamentali per spedire nel mondo con uno spedizioniere che utilizza il corriere espresso per il ritiro e la consegna.

compilazione e prenotazione della spedizione

In questa fase vanno indicati correttamente ed in modo completo tutti i dati del mittente e del destinatario. Indicare pesi, misure e contenuto dei colli da spedire. Il pagamento della spedizione è in genere anticipato, almeno che non si disponga di un abbonamento. I processi di prenotazione su internet sono ormai tutti molto user-friendly e guidano passo passo l’utente in tutte le fasi della prenotazione. Basterà infatti inserire negli appositi campi le informazioni richieste, e selezionare i servizi che si desidera utilizzare.

preparazione delle etichette di spedizione e dei documenti doganali

La maggior parte degli spedizionieri prepara e controlla tutta la documentazione prima della spedizione. Il corriere espresso che ritira invece, pone attenzione solo all’etichetta molto spesso. In caso di errata preparazione della documentazione, la spedizione potrebbe subire ritardi o essere addirittura restituita al mittente. Le etichette di spedizione vanno incollate saldamente al pacco, mentre i documenti, in 5 copie, allegati in una tasca trasparente adesiva propriamente fornita anche dai corrieri. Per chi ha dimestichezza con le spedizioni internazionali la generazione di tutta la documentazione doganale necessaria all’esportazione potrebbe sembrare facile. Ma per chi è alle prime armi, e si trova a fare una spedizione per la prima volta, la preparazione di tutta la documentazione potrebbe sembrare molto più complicata.

  • Fattura proforma invoice
  • Dichiarazione di libera esportazione
  • Copia lettera di vettura
  • Copia documento identità mittente
  • Copia codice fiscale mittente
  • Eventuale dichiarazione di salubrità degli alimenti

attesa del corriere per il ritiro della merce

Il giorno prestabilito in fase di prenotazione della spedizione, un corriere espresso si recherà presso il domicilio del mittente per ritirare la merce.  Non è possibile fissare un orario preciso per il ritiro e questo implica che ci dovrà essere sempre qualcuno disponibile per rispondere e consegnare il pacco al corriere quando citofonerà I corrieri non sono tenuti a telefonare al cliente espresso cui devono ritirare, e lo fanno solo in rare occasioni.

tracciamento e stato di avanzamento della spedizione

Ormai tutti i corrieri espressi, così come gli stessi spedizionieri forniscono la tracciabilità della spedizione, attraverso la quale è possibile conoscere lo stato di avanzamento. Esistono anche vari siti internet dedicati esclusivamente alla tracciatura di tutte le spedizioni di tutti i corrieri espressi. Per tracciare una spedizione è necessario disporre del tracking number, un codice univo alfanumerico stampato sulle lettere di vettura accanto o sotto i codici a barre, da inserire nel campo di ricerca nella pagina di tracciamento del corriere o dello spedizioniere.

Conclusioni

In un mondo sempre più globalizzato, in cui gli scambi commerciali tra varie nazioni sono sempre in aumento, oltre che la voglia di noi stessi italiani di viaggiare, visitare e vivere in altri luoghi spesso lontani, potrebbe portarci ad aver bisogno di spedire un pacco nel mondo. Da adesso in poi sappiamo come farlo e quali sono gli aspetti da non sottovalutare in una spedizione internazionale, in attesa che venga inventato il teletrasporto sia per le persone che per i pacchi.

Sponsorizzati