fbpx

Gli indicatori economici: cosa sono e a cosa servono?

Gli indicatori economici: cosa sono e a cosa servono?

Gli indicatori economici sono rapporti che dettagliano le prestazioni economiche di un paese in un’area specifica. Questi rapporti sono generalmente pubblicati periodicamente da agenzie governative o organizzazioni private e spesso hanno un effetto considerevole su azioni, reddito fisso e mercati forex quando vengono rilasciati.

Prodotto interno lordo (PIL)

Il prodotto interno lordo (PIL) è considerato da molti la misura più ampia della performance economica di un paese. Rappresenta il valore di mercato totale di tutti i prodotti e servizi finiti prodotti in un paese in un dato anno o in un altro periodo. Rispetto al mercato azionario, il rapporto sul PIL è in qualche modo simile al conto economico riportato da una società per azioni a fine anno.

Vendite al dettaglio

Il rapporto sulle vendite al dettaglio viene monitorato molto attentamente e misura le entrate totali, o il valore in euro/dollari, di tutta la merce venduta nei negozi. Il rapporto stima la merce totale venduta prendendo un campione dati provenienti dai rivenditori in tutto il paese, una cifra che serve come indicatore dei livelli di spesa dei consumatori. Poiché la spesa dei consumatori rappresenta più di due terzi del PIL, questo rapporto è molto utile per misurare la direzione generale dell’economia.

Dati sull’occupazione

In generale, i forti aumenti dell’occupazione indicano una crescita economica prospera. Allo stesso modo, potenziali contrazioni possono essere imminenti se si verificano diminuzioni significative. Sebbene queste siano tendenze generali, è importante considerare l’attuale posizione dell’economia. Ad esempio, dati sull’occupazione forte potrebbero far apprezzare una valuta se il paese ha recentemente attraversato problemi economici perché la crescita potrebbe essere un segno di salute economica e ripresa. Al contrario, in un’economia surriscaldata, un’elevata occupazione può anche portare all’inflazione, che in questa situazione potrebbe spostare la valuta al ribasso.

Indice dei prezzi al consumo (CPI)

L’indice dei prezzi al consumo (CPI), misura il livello di variazione dei prezzi al dettaglio (i costi che i consumatori pagano) ed è il parametro di riferimento per misurare l’inflazione

L’IPC confronta le variazioni di prezzo mese dopo mese e anno dopo anno. Questo rapporto è uno dei più importanti indicatori economici disponibili e il suo rilascio può aumentare la volatilità in mercati azionari, obbligazionari e forex. Gli aumenti di prezzo superiori alle attese sono considerati un segno di inflazione, che probabilmente causerà il deprezzamento della valuta sottostante.

Sponsorizzati

analizziamo il tuo sito gratis

scopri quanto vale il tuo sito

Inserisci l’url e la mail nei campi di seguito.