fbpx

Come creare una strategia per video marketing aziendale?

video aziendali

Come si crea una strategia di video marketing? Da dove si comincia? Quali sono i primi passi da compiere per non sbagliare?

Tutte queste domande non hanno risposte nette e generiche, universalmente valide perché tutto dipende dal tipo di bene o servizio da promuovere, dal budget disponibile e dagli obiettivi di investimento.

Quindi proveremo a mettere nero su bianco i primi step fondamentali, utili a guardarsi intorno e a prendere decisioni saggie, soprattutto se hai intenzione di affidarti ad un’agenzia specializzata in creazione di video aziendali.

Dunque la prima cosa da fare è capire se puoi agire per conto tuo o se hai bisogno del supporto di uno staff di professionisti e per decidere basterà capire i pro e i contro dell’una o dell’altra opzione.

L’analisi costi, benefici e risorse

Se decidi di cercare online una buona agenzia di produzione di video aziendali a Milano, significa che hai deciso di affidarti a dei professionisti in modo tale da poter dedicare il tempo di cui disponi ad amministrare la tua attività.

È una scelta saggia soprattutto se non te la senti di studiare le basi della produzione video e se non desideri acquistare tutta l’attrezzatura necessaria.

Il punto è proprio questo: gestire tempo e risorse. I video oggi permettono di accedere a realizzazioni anche low cost e poco impegnative mentre offrono software intuitivi e di facile utilizzo anche per chi è alle prime armi.

Qualunque sarà la tua decisione ci saranno delle spese da affrontare e, quindi, dovrai capire quale si addice meglio al tuo marchio, al tempo di cui disponi e al ritorno che speri di ottenere.

Leggi anche: Social media marketing: cosa é

La progettazione strategica

Dopo aver reperito le risorse dovrai passare alla progettazione strategica della campagna, ovvero alla definizione degli obiettivi da raggiungere.

Pianificare una campagna per obiettivi e nel rispetto delle risorse di cui disponi è fondamentale per passare alla fase successiva che è quasi esclusivamente creativa.

Infatti la strategia ti servirà a determinare dove pubblicherai i video, in che modo li realizzerai e quali sono gli aspetti salienti del contenuto che attireranno l’attenzione dei tuoi clienti ideali e potenziali.

Senza una strategia rischieresti di procedere allo sbaraglio e di non centrare l’obiettivo che ti eri preposto, comportando una spesa passiva e, nel peggiore dei casi, un peggioramento della percezione dell’immagine e dell’autorevolezza del tuo brand, business o marchio.

Monitora i risultati raggiunti

La fase creativa non è quella conclusiva perché una volta realizzati i video nel rispetto di tutte le considerazioni svolte sin qui dovrai anche monitorare il loro andamento.

Questo significa che dovrai prestare grande attenzione alle performance così da capire, per la campagna successiva, quali saranno gli aspetti da migliorare e quali sono quelli che hanno riscosso risultati positivi.

Il monitoraggio è una fase conclusiva importantissima anche quando la campagna non raggiunge i risultati sperati proprio perché ci fornisce dati strategici utili per le prossime volte.

Un errore o una svista comunicativa, dopotutto, possono sempre capitare per cui l’importante è accorgersene subito e correggere il tiro quanto prima.

Non ti resta che iniziare ad analizzare le risorse di cui disponi e disegnare la tua nuova campagna ma, prima di procedere, dai un’occhiata ai tuoi competitor e studia sempre con attenzione il mercato in cui intendi investire.

Sponsorizzati