Registrati sul sito

Scrivi il tuo guest post

Pubblica l'articolo gratis

Cina e Russia sono gli Stati Sovrani che comprano più Oro

Cina e Russia sono gli Stati Sovrani che comprano più Oro

Gli acquisti di oro aumentano

E non si tratta della attività dei compro oro Firenze o di qualsiasi altra città italiana ma bensì delle grandi acquisizioni di ingenti quantità di lingotti d’oro da parte delle banche centrali.

Le banche centrali di stati sovrani come la Cina, la Russia continuano a mostrare un forte interesse per il prezioso metallo giallo, acquistando gran parte della produzione aurea che per lo più proviene da una delle raffinerie Svizzera.

Questo interesse ha diverse motivazioni come il rallentamento dell’economia globale e alcune tensioni politiche ed economiche come la guerra commerciale tra Cina e Stati Uniti.
A rafforzare l’interesse per l’oro ci sono anche specifici interessi nazionali di stati sovrani come la Cina e la Russia che da anni stanno cercano di smarcarsi dal dollaro come valuta mondiale di riferimento.

La diffusione globale dei dollari ha portato questa valuta ad essere utilizzata anche come riserva finanziaria, stati sovrani come la Cina e la Russia si sono trovati ad avere nei propri depositi enormi riserve finanziarie sotto forma di valuta americana.

Questo ha di fatto determinato una diretta dipendenza del valore di queste riserve con le politiche economiche della Fed, per contrastare questa situazione negli ultimi anni il governo cinese e russo hanno cercato di convertire i dollari con l’oro per svincolarsi da questa dipendenza.

Se per la Russia liberarsi dei dollari detenuti è stato più semplice per la minore quantità di valuta americana presente nelle proprie riserve, per la Cina la conversione dei dollari in oro è stata più marginale a causa dell’eccessiva quantità di valuta americana nelle loro riserve finanziarie.

Nonostante ciò la grande quantità d’oro acquistata da Cina e Russia è un importante sostegno alla quotazione aurea che sembra possa avviarsi verso una fase rialzista dopo diversi anni in cui è rimasta sostanzialmente stabile.

A sostenere la domanda di oro ci sono anche stati non sovrani come la Polonia che ha più che raddoppiato le proprie riserve auree nell’ultimo periodo portandola ad essere il primo detentore di lingotti d’oro dell’intera Europa centrale.

Questo dimostra, anche se non ce ne sarebbe bisogno, della ancora elevato appeal che l’oro suscita in ogni nazione del mondo.

Torna su